Google festeggia i 10 anni del DMCA

Buongiorno cari lettori, oggi vi andremo a parlare di Google che ha passato ormai 10 anni da quando ha creato la sezione DMCA.

Dieci anni fa, Google ha ampliato i suoi sforzi di trasparenza documentando tutti gli avvisi di rimozione DMCA ricevuti dall’azienda. Ciò è stato fatto per fornire al pubblico maggiori informazioni su dove è bloccato il “libero flusso di informazioni” su Internet. All’epoca Google notò un massiccio aumento dei takedown, ma il vero aumento doveva ancora arrivare.

“Riteniamo che l’apertura sia fondamentale per il futuro di Internet. Quando qualcosa ostacola il libero flusso di informazioni, riteniamo che ci dovrebbe essere trasparenza su quale potrebbe essere quel blocco”.

Secondo Fred von Lohmann, all’epoca Senior Copyright Counsel di Google, gli avvisi DMCA erano alle stelle.

“In questi giorni non è insolito ricevere più di 250.000 richieste ogni settimana, che è più di quello che i proprietari del copyright ci hanno chiesto di rimuovere in tutto il 2009”, scrisse Van Lohman all’epoca.

Da 250.000 a 1.000.000.000 di takedown all’anno

Con il senno di poi, questo è stato solo l’inizio di un’esplosione di takedown. Alcuni anni dopo Google ha elaborato più di 20 milioni di notifiche DMCA a settimana, il che si traduce in più di un miliardo all’anno .

Questa curva di crescita alla fine si è appiattita e negli ultimi anni il volume dei takedown ha iniziato a diminuire . Ciò è in parte dovuto ai vari algoritmi antipirateria che spingono i contenuti piratati verso il basso nei risultati di ricerca.

Declassando i risultati dei siti pirata, è diventato più difficile trovare i contenuti illeciti nel motore di ricerca. Di conseguenza, Google ora elabora “solo” poche centinaia di milioni di richieste DMCA all’anno.

Dopo dieci anni di trasparenza sulla rimozione , diamo un’occhiata ai totali, che sono piuttosto impressionanti. Negli ultimi dieci anni i titolari dei diritti hanno chiesto a Google di rimuovere 5,75 miliardi di URL che presumibilmente rimandano a contenuti che violano il copyright.

Queste richieste di rimozione provengono da poco più di 300.000 diversi titolari di copyright. Il gruppo musicale britannico BPI è il mittente più prolifico. Con 570 milioni di link segnalati, va bene per quasi il 10% di tutte le richieste di rimozione.

Osservando i domini presi di mira, vediamo che 4shared.com è in testa con 68 milioni di URL segnalati. La maggior parte di questi è stata segnalata diversi anni fa. Negli ultimi anni, il sito viene segnalato “solo” poche migliaia di volte a settimana, con meno di un milione di link segnalati all’anno.

Errori e abusi

Sebbene questi numeri siano di per sé interessanti, il più grande contributo del rapporto sulla trasparenza è la capacità degli estranei di individuare avvisi errati e abusivi. Ciò è possibile perché Google condivide tutti i collegamenti segnalati con il database Lumen , che è gestito dal Berkman Klein Center di Harvard.

Ci sono numerosi esempi di errori che possiamo citare. Microsoft una volta ha preso di mira la BBC, Wikipedia e il governo degli Stati Uniti; Gli studi cinematografici hanno chiesto a Google di rimuovere i propri film; Un database di film e programmi TV francesi ha preso di mira Netflix e Rotten Tomatoes e così via.

Con miliardi di URL segnalati non sorprende che si verifichino questi errori, ma segnalandoli in pubblico, i responsabili possono essere ritenuti responsabili. Ciò deve aver portato a un tasso di precisione di rimozione più elevato nel tempo.

Sarà interessante vedere come si svilupperanno le tendenze di rimozione nei prossimi anni, detto questo non ci resta altro che aspettare e dare tempo al tempo.

Questo è tutto riguardo Google e le leggi DMCA, ad un prossimo articolo.