Buongiorno cari lettori, oggi vi andremo a parlare di quanti dati utilizza instagram.

Instagram può creare dipendenza.

Sono finiti i giorni in cui era solo un archivio di immagini fisse delle cene delle persone e delle vacanze estive. Ora, ci sono live streaming, storie e altre funzionalità che possono presto consumare il tuo piano dati se non stai attento.

Ma quanti dati utilizza effettivamente Instagram? Indossiamo i nostri camici da laboratorio bianchi ed eseguiamo alcuni esperimenti.

Quanti dati afferma di utilizzare Instagram?

Non ci sono dati ufficiali disponibili direttamente da Instagram, quindi non sappiamo cosa aspettarci quando si tratta di utilizzo dei dati tramite l’app.

Ma quanti dati utilizza un normale feed su Instagram?

Per testarlo, abbiamo scaricato un’app di monitoraggio dell’utilizzo dei dati e l’abbiamo impostata su zero. Quindi, con un timer impostato per cinque minuti, abbiamo sfogliato la nostra timeline di Instagram, cercando di concentrarci principalmente sulle immagini fisse. Questo, ovviamente, è quasi impossibile ora che i video sono in tutta l’app, quindi i risultati che abbiamo ottenuto sono un misto di video e immagini fisse, che è comunque un test case migliore nel mondo reale.

Al termine del timer, la quantità di dati che era stata consumata da Instagram dopo 5 minuti era di circa 50 MB. Estrapolando da questa cifra, abbiamo dedotto i seguenti dati di utilizzo (quando si visualizzano principalmente immagini fisse):

  • 15 minuti = 150 MB
  • 30 minuti = 300 MB
  • 45 minuti = 450 MB
  • 1 ora = 600 MB

Quindi, se trascorri un’ora al giorno su Instagram, entro la fine della settimana avrai esaurito 4,2 GB di dati (600 x 7). Fallo per un mese e accumulerai circa 16 GB.

Quanti dati utilizza il caricamento di foto e video su Instagram?

Ovviamente, la maggior parte delle persone non solo consuma contenuti su Instagram, ma carica anche i propri. Questo può essere un po’ più difficile da stimare con precisione (poiché abbiamo fotocamere, dimensioni e qualità dei file diverse), ma di norma il caricamento di una foto utilizzerà circa 2 MB di dati. È più per i video, con circa 8 MB per una storia veloce. È sicuro quindi dire che se carichi video continuamente, inizierai presto a spingerti verso i limiti del tuo piano dati, soprattutto se sei anche un avido scroller del feed di Instagram.

Come ridurre l’utilizzo dei dati su Instagram

Se vuoi ridurre la quantità di dati utilizzati da Instagram, ci sono alcune impostazioni che puoi regolare per raggiungere questo obiettivo.

Innanzitutto, Instagram precarica i video nel tuo feed per garantire che tutto funzioni rapidamente. È possibile impedire che ciò accada in modo che i dati consumati siano inferiori. Il compromesso è che i video impiegheranno più tempo a caricarsi quando sei su una connessione mobile.

Ecco come regolare le impostazioni nell’app di Instagram:

  • Tocca la tua immagine del profilo nell’angolo in basso a destra dello schermo
  • Tocca le tre linee orizzontali in alto a destra dello schermo
  • Seleziona Impostazioni
  • Quindi, tocca Account seguito da Utilizzo dati (iPhone) o Utilizzo dati mobili (Android)
  • Dal menu, scegli Usa meno dati mobili (iPhone) o Risparmio dati (Android)

Se sei un utente Android, hai anche la possibilità di limitare quando Instagram offre contenuti ad alta risoluzione. Ciò significa che puoi avere materiale a bassa risoluzione quando sei sulla tua connessione mobile, quindi piena risoluzione quando torni a una connessione Wi-Fi.

Per utilizzare questa funzione, tocca l’opzione multimediale ad alta risoluzione che si trova in Risparmio dati. Quindi seleziona Mai, Solo Wi-Fi o Mobile + Wi-Fi.

Puoi sempre modificare queste impostazioni di nuovo in un secondo momento se le tue circostanze cambiano.


Buongiorno cari lettori, oggi vi andremo a parlare di Mastodon, un alternativa molto valida rispetto a Twitter ora che Elon Musk lo ha acquistato.

Ora che l’acquisizione di Twitter di Elon Musk è completa, molte persone si rivolgono improvvisamente a Mastodon nella loro ricerca di luoghi alternativi per l’uso di social media simile a un tweet.

Mastodon si avvicina allo stile generale di Twitter, con “toots” invece di tweet e “boost” invece di retweet, insieme a menzioni, hashtag e un feed cronologico. La differenza fondamentale è che Mastodon non ha pubblicità, nessun data mining inquietante e nessuna proprietà centralizzata. Può essere un po’ complicato da configurare, tuttavia, e potresti scoprire rapidamente che i suoi tentativi di clonare Twitter sono in contrasto con la sua natura decentralizzata.

STEP 1: SCARICA L’APP (O UTILIZZA IL SITO WEB)

Scarica l’app ufficiale Mastodon per iOS o Android oppure dal sito visitando joinmastodon.org e selezionando “Trova un server”.

STEP 2: SCEGLI UN SERVER

A differenza di Twitter, Mastodon non ha un unico posto dove puoi creare un account. Invece, devi scegliere tra vari server, ognuno con le proprie comunità e regole di moderazione.

Ecco come scegliere:

Nell’app: premi “Registrati” e seleziona un server dall’elenco. Assicurati di essere d’accordo con le sue regole di moderazione, quindi crea un account.

Sul Web: sfoglia l’elenco dei server Mastodon , scegline uno a cui aderire, quindi crea un account.

Sfortunatamente, l’app mobile di Mastodon non ti consente ancora di esplorare i post o gli hashtag di tendenza di un server prima di unirti a esso. Per questo motivo, prendi in considerazione la possibilità di scegliere prima un server tramite il Web , quindi unirlo nell’app mobile.

Se non sei ancora sicuro di quale server scegliere, Mastodon.social è ampiamente considerato l’impostazione predefinita con quasi 800.000 membri. È amministrato da Eugen Rochko, fondatore, CEO e sviluppatore principale di Mastodon.

Dopo esserti unito a un server, il tuo handle Mastodon completo seguirà questo formato: @tuonome@nomeserver, tienilo a mente poiché probabilmente dovrai fare riferimento ad esso in seguito.

Mastodon non offre un modo semplice per cambiare le nick. Se vuoi cambiare il tuo @nome, dovrai creare un nuovo account, quindi migrare quello vecchio. Per farlo, vai all’editor del profilo, fai clic su “Impostazioni account”, quindi scegli “Sposta su un altro account”. Puoi anche utilizzare la stessa procedura per passare a un server diverso.

STEP 3: TROVA PERSONE DA SEGUIRE

Dopo la registrazione tramite l’app mobile di Mastodon, suggerirà a una manciata di persone di quel server di seguire, ma è un elenco piuttosto limitato. Ecco alcuni altri modi per entrare in contatto con le persone su Mastodon:

Utilizzare la scheda di ricerca: nell’app mobile, toccando l’icona di ricerca si accede a una sezione di scoperta, dove è possibile sfogliare i post di tendenza, gli hashtag, una sezione “Per te” di follower consigliati e “Community”, che mostra un live feed di post dal tuo server.

Usa la sezione Esplora: sul Web, la sezione #Esplora ha uno scopo simile, con schede per post di tendenza, hashtag e suggerimenti per i follower “Per te”.

Segui hashtag: alcuni server ti consentono di seguire interi hashtag oltre alle singole persone. Basta fare clic su qualsiasi hashtag nella sequenza temporale o nei risultati di ricerca e premere il pulsante + nell’angolo in alto a destra.

Una cosa da notare: mentre puoi seguire gli account dall’esterno del tuo server, il processo può essere complicato se lo fai dalla pagina del loro profilo: dovrai inserire il tuo handle Mastodon completo (come menzionato nella sezione precedente) per conferma che desideri seguirli.

STEP 4: IMPOSTA IL TUO PROFILO

Una volta che ti sei unito a un server e hai trovato alcune persone da seguire, puoi stabilirti impostando il tuo profilo Mastodon:

Nell’app: tocca l’icona dell’elefante, quindi premi “Modifica informazioni”. Puoi quindi aggiungere un’immagine del profilo, cambiare il nome visualizzato e aggiungere informazioni alla tua biografia.

Sul Web: fai clic su “Modifica profilo” sotto il tuo nome visualizzato e puoi aggiungere una biografia, un’immagine del profilo e un’immagine di intestazione.

Ancora una volta, l’interfaccia web di Mastodon è più capace della versione mobile, consentendoti di impostare un’immagine di intestazione insieme a varie regole per il tuo account. Ad esempio, puoi impostare i post in modo che eliminino automaticamente e richiedano l’autorizzazione prima che le persone possano seguirti.

STEP 5: INIZIA A PUBBLICARE

Rispetto a Twitter, Mastodon ha un limite di 500 caratteri. Puoi anche utilizzare le icone sotto la casella di posta per aggiungere immagini, creare sondaggi, limitare chi vede i tuoi post o aggiungere un avviso di contenuto.

  • Un paio di cose da tenere a mente durante la pubblicazione:

Gli hashtag sono più importanti su Mastodon perché la funzione di ricerca copre solo il testo normale per te e le persone che segui. Se vuoi che altre persone trovino i tuoi post, dovrai usare gli hashtag.

Mastodon non ha una funzione di messaggio diretto. L’equivalente più vicino è utilizzare lo strumento di visibilità dei post per limitare un post solo alle persone che hai menzionato.

Sebbene Mastodon offra la funzione Preferiti simile al pulsante Mi piace di Twitter, puoi anche utilizzare i segnalibri per salvare un toot senza che altre persone lo sappiano.


Buongiorno cari lettori, oggi vi andremo a parlare della dinamic island per introdurla su Android.

A molte persone non piacciono i ritagli della fotocamera che occupano spazio sugli schermi dei nostri smartphone. Abbiamo visto alcune applicazioni ambiziose per questi ritagli in passato, come trasformarne uno in un LED di notifica della vecchia scuola , ma Apple prende la palla al balzo creando la Dynamic Island dell’iPhone 14 Pro . E mentre è del tutto possibile che Google stia lavorando a qualcosa di simile per Android, non devi aspettare per scoprirlo: gli sviluppatori stanno già lavorando sodo per portare la funzione sul tuo smartphone.

Uno di questi esempi è Pixel Island ma poiché è nelle prime fasi di sviluppo, non è disponibile per il download sul Play Store. Tuttavia, ora abbiamo un’app Dynamic Island pronta per l’uso: lo sviluppatore Android Jawomo sembra essere il primo a portare ufficialmente un banner di notifica in stile Dynamic Island sui telefoni non Apple, sul playstore, con la loro app dynamicSpot.
Come installare DynamicSpot
DynamicSpot è scaricabile gratuitamente, facile da configurare e fa ciò che si prefigge di fare. Se sei curioso di portare la caratteristica 14 Pro di Apple sul tuo telefono Android, dynamicSpot è un modo semplice per provarlo. Tieni presente, tuttavia, che è ancora in fase di test, quindi potresti riscontrare qualche bug qua e là.

Quando installi e apri l’app per la prima volta, sei accolto da una semplice procedura dettagliata per configurare tutto. Dovrai scegliere con quali app sul tuo telefono DynamicSpot può funzionare (c’è una semplice opzione “Tutte” che puoi scegliere). Dovrai quindi concedere i privilegi di notifica a dynamicSpot toccando l’opzione, scegliendo dynamicSpot dall’elenco “Non consentito”, quindi abilitando “Consenti accesso alle notifiche”.

Successivamente, è necessario consentire “proietta sullo schermo”, che è ciò che consente a dynamicSpot di visualizzare effettivamente gli avvisi di notifica. Sebbene dynamicSpot affermi che non vengono raccolti o condivisi dati, poiché “non ha accesso a Internet”, dovrai concedere all’app l’accesso completo al telefono affinché funzioni. Ciò potrebbe oltrepassare il limite della privacy per alcuni utenti, quindi tienilo a mente prima di toccare “Consenti”.

Se tutto ciò che funziona per te, ci sei! Nelle “Impostazioni popup” dell’app puoi modificare la posizione in cui dynamicSpot appare effettivamente sul tuo display. Per impostazione predefinita, viene visualizzato al centro nella parte superiore dello schermo, proprio come fa Dynamic Island sull’ iphone 14 Pro e Pro Max. Funziona particolarmente bene per i telefoni con un for al centro dello schermo, ma puoi spostarlo sul display, a destra/sinistra, come meglio credi tramite il menu delle impostazioni Dimensioni.

Sebbene tu possa far funzionare dynamicSpot senza pagare un centesimo, ci sono alcune funzionalità Pro che potresti prendere in considerazione per personalizzare e rendere più accattivante il tutto. Per 4,99€, puoi vedere dynamicSpot sulla schermata di blocco, aprire app con un solo tocco di dynamicSpot, nascondere automaticamente il popup espanso dopo un certo periodo di tempo (puoi scegliere di nascondere automaticamente il popup espanso quando tocchi al di fuori di esso questo è già compreso nella versione gratuita) e, soprattutto, blocca i popup di sistema per spostare tutto su dynamicSpot.

È una personalizzazione divertente con cui giocare. Potrai ad esempio per avere una piccola icona della pioggia incorporata nel dynamicSpot, che faccia da sottile promemoria per riferire che sta davvero piovendo. Una pressione prolungata espande il popup e un tocco ti porta all’app pertinente. Anche senza le funzionalità Pro, è molto utile, soprattutto se modifichi le dimensioni per adattarle al tuo telefono particolare.
DynamicSpot è per tutti? Probabilmente no, anche perché non porta dei vantaggi è più che altro una personalizzazione grafica.


Buongiorno cari lettori, oggi vi andremo a parlare di 10 lavori che interessano i computer e la tecnologia in generale.

L’informatica è la principale STEM con l’offerta di lavoro e il tasso di accettazione del lavoro più alti. Forse è per questo che un recente sondaggio ha rivelato il numero di studenti che si iscrivono ad informatica è cresciuto del 50% rispetto al 2010. Una laurea in un campo informatico può portare a una varietà di lavori ben pagati e molto richiesti. I migliori lavori tecnologici pagano molto di più del salario medio di 33.0000€ e hanno tassi di crescita più alti.

Qui di seguito, quindi troverete 10 lavori che riguardano l’informatica, che vi potrebbero interessare molto.

1. Data Scientist

Salario annuo medio: 35 000€

I data scientist ha una forte domanda di individui in grado di valutare i dati per aiutare le aziende a creare decisioni aziendali; tuttavia, vi è un’offerta relativamente bassa di candidati qualificati. Secondo un rapporto, gli stipendi per i manager di data scientist di livello tre arrivano possono arrivare al triplo precedente accennato.

2. Sviluppatore di software

Salario annuo medio: 32 000€

Di gran lunga, il maggior numero di offerte di lavoro nell’elenco è per gli sviluppatori di software. Questa crescita è alimentata dalla domanda di app mobili e altri prodotti guidati dalla tecnologia. Mentre alcuni sviluppatori di software progettano applicazioni, gli sviluppatori di software di sistema progettano sistemi operativi e interfacce.

3. Analista per la sicurezza informatica

Salario annuo medio: 35 000€

Più di un miliardo di record sono stati violati nel 2014, secondo Gemalto, una società di sicurezza internazionale. Queste violazioni illustrano l’urgente necessità di analisti della sicurezza delle informazioni. Una laurea in informatica o programmazione è il requisito tipico, sebbene alcuni datori di lavoro preferiscano un MBA in sistemi informativi.

4. Analista di sistemi informatici

  • Salario annuo medio: 36 000€

Gli analisti di sistemi informatici sono necessari per progettare e installare nuovi sistemi informatici e le società di consulenza IT ne assumono la maggior parte. La crescita è avvenuta principalmente nelle seguenti aree: cloud computing e tecnologia mobile.

5. Sviluppatore Web

Salario annuo medio: 32 000€

Questo è uno dei pochi lavori della lista che puoi ottenere senza una laurea. Esistono tre tipi di sviluppatori web; i web designer, che creano il layout e l’atmosfera del sito Web, hanno bisogno di una laurea in web design. I webmaster, che gestiscono il sito web, possono avere un certificato specifico o una laurea associata in sviluppo web.

6. Ingegnere della vendita

Salario annuo medio: 31 500€

Si prevede che la domanda di tecnici delle vendite in altri settori aumenterà solo del 9%; tuttavia, il tasso di crescita è quattro volte più veloce per i professionisti che vendono software e hardware per computer. La maggior parte degli ingegneri ha una laurea in economia, scienze o tecnologia.

7. Manager informatico

Salario medio annuo: 40 000€

I manager informatici hanno di solito un team IT e gestiscono le esigenze tecnologiche dell’organizzazione. È richiesta una laurea in una specializzazione in informatica o scienze dell’informazione, sebbene alcuni può bastare una MBA.

8. Ricercatore informatico

Salario medio annuo: 33 834€

Questa posizione ha il minor numero di nuovi lavori, ma perché è una piccola nicchia. Gli scienziati informatici e di ricerca dell’informazione in genere richiedono un dottorato di ricerca. Tra gli altri compiti, i ricercatori informatici e informatici scrivono algoritmi per aiutare le aziende ad analizzare i dati.

9. Amministratore della rete

Salario annuo medio: 36 000€

Questo lavoro ha il tasso di crescita più basso della lista;  ma in ogni caso, le aziende hanno bisogno di amministratori di rete e di sistemi informatici per gestire le loro operazioni tecnologiche quotidiane, che includono l’installazione e la manutenzione di reti locali e geografiche, intranet, ecc.

La maggiore area di crescita per gli amministratori di rete riguarderà la progettazione di sistemi informatici, che si prevede aumenterà del 35%.

10. Supporto informatico

Salario annuo medio: 24 000€

È il lavoro con la retribuzione più bassa della lista, ma richiede anche il minor tempo; la maggior parte dei datori di lavoro assumerà candidati con un certificato post-secondario o un diploma associato.  Esistono due tipi di specialisti del supporto informatico: specialisti del supporto della rete di computer e specialisti del supporto dell’utente del computer. Gli specialisti del supporto della rete di computer di solito collaborano con il personale IT per risolvere i problemi. Gli specialisti del supporto per gli utenti di computer, noti anche come tecnici dell’help desk, assistono i clienti e i dipendenti non tecnici.

Conclusione

La tecnologia è uno dei settori con più rapida crescita e più richiesta. Usa questo elenco come guida per valutare le prospettive di lavoro, lo stipendio e i requisiti di istruzione; e soprattutto ricordati che sei tu e solo tua a decidere la tua vita.