Google scopre un altro numero del pi greco!

Buongiorno cari lettori, oggi vi andremo a parlare di un dipendente di Google che è riuscito a calcolare la 100 trilionesima cifra del pi greco.

Utilizzando i servizi di cloud computing dell’azienda, Emma Haruka Iwao, sviluppatrice presso Google nella sezione Cloud, è stata in grado di calcolare le prime 100 trilioni di cifre della costante matematica, rendendola la prima persona in assoluto a conoscere la 100 trilionesima cifra (è uno zero). Google sta ora collaborando con il Guinness World Records per verificare ufficialmente il suo successo.

È la seconda volta che Iwao ha fissato una pietra miliare del genere: ha calcolato 31,4 trilioni di cifre nel 2019, il record all’epoca, anche se è stata interessata al numero per gran parte della sua vita. “Pi è stata la mia passione personale fin dalla mia infanzia”, ​​dice, ricordando di aver usato un programma chiamato Super PI da preadolescente per calcolare circa un milione di cifre del numero.

Pi, che è il rapporto tra la circonferenza di qualsiasi cerchio e il suo diametro, non può essere espresso con precisione come frazione o decimale, quindi è possibile calcolare un numero arbitrario di cifre decimali della sua rappresentazione. Calcolare sequenze di pi sempre più lunghe è stata a lungo una sfida per matematici e informatici dilettanti e professionisti.

Iwao afferma che il drammatico balzo in avanti dal 2019 è il risultato delle maggiori capacità del servizio Computer Engine di Google, inclusi processori più veloci, archiviazione dei dati più veloce e maggiori capacità di rete per sincronizzare l’hardware che esegue il calcolo.

Google sta inoltre rilasciando una demo che chiunque può utilizzare per calcolare un numero inferiore di cifre di pi sui suoi sistemi cloud; per questo motivo il codice utilizzato per eseguire l’elaborazione è disponibile su GitHub.

Google non sta rivelando il costo del calcolo, che ha impiegato 157 giorni per eseguire 128 processori virtuali utilizzando 864 gigabyte di memoria. In totale, il programma ha elaborato 82.000 terabyte di dati, che secondo Google è la stessa quantità di spazio di archiviazione di 2.598 anni di film HD. Iwao ha eseguito il calcolo utilizzando un programma disponibile gratuitamente chiamato y-cruncher e ha collaborato con il suo creatore, Alexander J. Yee, per verificare che il risultato fosse corretto.

Per assicurarsi che il numero sia, infatti, corretto, Iwao ha utilizzato anche un algoritmo che consente di generare cifre specifiche di pi senza conoscere tutte le precedenti, facendole verificare che alcune delle cifre finali siano corrette, il che implica quasi le precedenti certamente lo sono. Ha anche confrontato le cifre iniziali con quelle trovate dai calcoli precedenti di altri.

Le cifre esatte calcolate da Iwao saranno anche disponibili, naturalmente sul cloud, in modo che chiunque possa scaricare tutte le 100 trilioni di cifre o utilizzare un’interfaccia di programmazione dell’applicazione per accedere a cifre specifiche. Mentre scienziati e ingegneri in genere non hanno bisogno di 100 trilioni di cifre di pi greco per calcoli precisi, Iwao afferma che le persone sono interessate alla distribuzione di diverse cifre nel numero.

Iwao spera che il progetto renda anche le persone consapevoli della potenza del cloud computing per il calcolo scientifico in generale. E immagina che mentre la tecnologia continua a migliorare, non sarà l’ultima volta che spingerà avanti il ​​calcolo pi, forse di una quantità significativa. “Tecnicamente, anche se puoi aggiungere una cifra, è un nuovo record mondiale”, afferma Iwao. “Penso che questo sia più interessanti quando possiamo mostrare dei progressi significativi”.

Questo è tutto riguardo il calcolo della 100 trilionesima cifra del numero pi greco e del rendere coscienti che il cloud è il futuro e non bisogna denigrarlo, ad un prossimo articolo.