Ecco quali sono state le grandi evoluzioni del 2022 nel settore Tech

Buongiorno cari lettori, oggi vi andremo a parlare del caso FTC, tra Microsoft e Blizzard.

Microsoft ha presentato la sua risposta al caso antitrust degli Stati Uniti che tentava di impedire al produttore di software di acquistare l’editore di videogiochi Activision Blizzard, affermando che l’accordo non danneggerà la concorrenza.

La sfida della Federal Trade Commission alla proposta di acquisizione da 68,7 miliardi di dollari si distingue come il più grande respingimento del governo che Microsoft ha affrontato in casa da quando ha affrontato il Dipartimento di Giustizia due decenni fa per il predominio di Windows nel mercato dei sistemi operativi.

Sotto il presidente Donald Trump, le società Google Alphabet, Apple, Amazon e la società madre di Facebook, Meta, hanno tutte affrontato le richieste dei funzionari della concorrenza statunitensi. Ciò ha lasciato Microsoft a svolgere la propria attività e continuare ad espandersi con acquisizioni attraverso l’elezione del presidente Joe Biden, anche dopo che l’incaricata di Biden, la critica tecnologica Lina Khan, è subentrata alla FTC. Ma poi Microsoft ha rivelato il suo piano per acquistare Activision Blizzard. La FTC ha sostenuto che la transazione avrebbe violato la legge federale.

“Anche con fiducia nel nostro caso, rimaniamo impegnati in soluzioni creative con le autorità di regolamentazione che proteggeranno la concorrenza, i consumatori e i lavoratori nel settore tecnologico”, ha dichiarato Brad Smith, presidente e vicepresidente di Microsoft, in una dichiarazione. “Come abbiamo imparato dalle nostre cause legali in passato, la porta non si chiude mai all’opportunità di trovare un accordo che possa avvantaggiare tutti”.

Per alleviare l’opposizione del governo all’accordo, Microsoft ha offerto delle concessioni.

Phil Spencer, CEO dell’unità di gioco di Microsoft, ha dichiarato che Microsoft si era impegnata a portare i giochi Call of Duty di Activision Blizzard sulle console Nintendo per un decennio e a mantenere i giochi sul negozio di giochi Steam di Valve. Microsoft si è anche offerta di firmare un accordo decennale con Sony per rilasciare i giochi Call of Duty sulle console PlayStation lo stesso giorno in cui raggiungono le console Microsoft Xbox. “Sony si è rifiutata di trattare”, ha detto Microsoft.

Activision Blizzard non ha reso disponibili i suoi nuovi giochi tramite servizi in abbonamento come il Game Pass di Microsoft e l’acquisizione renderebbe più conveniente giocare ai giochi di Activision Blizzard, ha affermato Microsoft.

Microsoft ha affermato che dopo aver impiegato quasi un anno per indagare sull’accordo ed esaminare milioni di documenti di Activision Blizzard e Microsoft, la FTC non ha mostrato prove che Microsoft stia cercando di strappare la serie di giochi da PlayStation. Garantire che i giochi siano ampiamente disponibili è positivo per gli affari di Microsoft, ha affermato la società.

Nella sua risposta alla causa intentata dalla FTC, Activision Blizzard ha affermato che “se Xbox rifiutasse Call of Duty dalla PlayStation di Sony o da altre piattaforme concorrenti di Xbox, Xbox rinuncerebbe immediatamente a miliardi di soldi in vendite di giochi persi e taglierebbe via una parte enorme del pubblico che Activision ha lavorato così duramente per attrarre e trattenere.

Il caso andrà davanti al giudice di diritto amministrativo della FTC, Michael Chappell. Activision Blizzard e Microsoft hanno entrambe affermato che le procedure della FTC violano il loro diritto a un giusto processo procedurale ai sensi del quinto emendamento della costituzione degli Stati Uniti.

I membri del pubblico hanno inviato più di 2.100 e-mail all’Autorità per la concorrenza e i mercati del Regno Unito in risposta a una dichiarazione dell’agenzia che descrive tre modi in cui l’accordo potrebbe ridurre la concorrenza. Circa il 75% delle e-mail ha espresso supporto per l’acquisizione, ha affermato l’agenzia.

Se l’accordo si concludesse, Microsoft sarebbe “la terza società di giochi al mondo per fatturato, dietro Tencent e Sony”, ha detto Spencer in una teleconferenza il giorno dell’annuncio dell’accordo.

“Non vi è alcun motivo ragionevole e legittimo per impedire la chiusura della nostra transazione”, ha dichiarato il CEO di Activision Blizzard Bobby Kotick in una dichiarazione. “Il nostro settore ha un’enorme concorrenza e poche barriere. Abbiamo visto più dispositivi che mai offrire ai giocatori un’ampia gamma di scelte per giocare. Motori e strumenti sono disponibili gratuitamente per sviluppatori grandi e piccoli. L’ampiezza delle opzioni di distribuzione per i giochi non è mai stata così ampia”.