Buongiorno cari lettori, oggi vi andremo a parlare di come sarebbe un futuro in cui Electronic Arts si fonde con un azienda che abbia un valore medio.

Data l’attuale ondata di consolidamento nell’industria dei videogiochi, tutti gli occhi sono puntati su Electronic Arts ormai da diversi mesi. E, viste le voci di un accordo vicino alla fusione, i sussurri crescono.

EA, per anni, è stato il più grande editore indipendente del mondo dei giochi e ha una libreria di provenerdì, ha riferito che EA si è recentemente avvicinata a un accordo di fusione con Comcast , che avrebbe visto il CEO Andrew Wilson gestire una EA combinata e NBCUniversal. Mentre i colloqui sono andati avanti per un po’, alla fine sono andati in pezzi per disaccordi su prezzo e struttura. Secondo quanto riferito, EA ha anche avuto colloqui con Apple e Amazon.

EA, come ci si potrebbe aspettare, non sta commentando nessuna delle voci. E un portavoce non ha risposto alle domande sulla più ampia tendenza al consolidamento del settore.

Ma i sussurri attirano EA come un’azienda che ha letto l’ambiente e vede la saggezza nel collaborare con un’azienda più grande. E, data la sua esperienza e le sue offerte, apparentemente si attribuisce un premio.

L’economia non gli ha fatto alcun favore, però. La minaccia di una recessione è un fattore molto più grande oggi rispetto a quando Take-Two e Microsoft sono andati a fare acquisti, il che potrebbe causare qualche esitazione se EA richiedesse un premio enorme. Le aziende stanno proteggendo la loro liquidità mentre le loro azioni scendono e si preparano a ridurre la spesa dei consumatori per un periodo prolungato.

Se EA riesce a trovare un partner, chi ha più senso? È un elenco più limitato di quanto ti aspetteresti.

AMAZON

Amazon ha mostrato un crescente interesse per il mondo dei giochi ultimamente, con il lancio di Lost Ark . La sua divisione Twitch lo rende un azienda ancora più grande nel settore, che è ricca di liquidità. Ma dato che è probabile che EA premium stia cercando, ciò potrebbe determinare un prezzo per la società fuori dalla gamma di Amazon. Il massimo che il rivenditore ha mai sborsato per un’acquisizione è stata l’acquisizione di Whole Foods nel 2017, che è costata 13,7 miliardi di dollari. (L’acquisizione di MGM lo scorso anno ha comportato un prezzo di 8,5 miliardi di dollari e quella società si adattava in modo più naturale a Prime Video, che ha una base di utenti consolidata molto più ampia.)

APPLE

Apple punta più sull’hardware che sul software. E guadagna già molto da EA (e da ogni altro sviluppatore di app nello spazio dei videogiochi) tramite pagamenti di royalty da acquisti e download in-app. L’acquisto di EA caricherebbe l’azienda di una divisione estranea al suo modo di fare affari. Questa è una combinazione che non ha molto senso.

SONY

Sony ha già occupata con la fusione di Bungie. La dipendenza di EA da un modello di business multipiattaforma sarebbe difficile da digerire per Sony. Avere un piccolo numero di giochi Bungie disponibili su Xbox è una cosa; avere un catalogo importante come quello di EA è un’altra cosa. C’è anche la questione dello shock culturale. EA e Sony gestiscono le loro attività in modi molto diversi, il che rende difficile vederli lavorare come un’unica azienda.

UBISOFT

L’idea che, probabilmente, i due editori indipendenti più ricercati si fondano in un unico super-editore è intrigante. E i due hanno discusso di una collaborazione in passato (sebbene Ubisoft l’abbia decisamente rifiutata nel 2004 ). Le finanze sarebbero complicate, tuttavia, poiché EA sarebbe probabilmente la società acquirente, che le costerebbe denaro piuttosto che portarlo, cosa che gli azionisti potrebbero esitare. E l’entità combinata dovrebbe dimostrare agli investitori che può stare su un terreno di parità come una combinazione Microsoft/Activision.

MICROSOFT

No. Non c’è modo. Se le autorità di regolamentazione stanno esaminando così tanto l’acquisizione di Activision, non c’è modo che la società madre Xbox possa convincerli a dare il via libera anche a un’acquisizione di EA.

COMCAST

Anche se questa potenziale fusione non sembra andare avanti al momento, ha davvero più senso per EA. Ha un livello di prestigio che l’azienda può vantare, riempie una lacuna nella libreria multimediale di Comcast e apre le porte a comunicazioni migliori tra Comcast e i produttori di console, che potrebbero migliorare i suoi numeri di streaming.